Unposted - "Quando fai figli?" - "Perché non fai figli?"




Queste pagine scritte da Gennaio 2020 fino a pochi mesi fa erano private, essendo un diario virtuale ci sono dei post che tengo in bozza e che non vengono mai pubblicati, rimangono lì solo per me.
Ma questa volta voglio condividere la mia storia e la mia esperienza.
Ho deciso di mettere questo post online violando la mia privacy e quella del mio compagno, soltanto per un motivo, per far sentire meno sole donne che come me ci hanno messo più del solito a cercare la cicogna e perché nel 2021 questo argomento non sia più un tabù, ma motivo di condivisione e confronto, ma la cosa più importante è di ricordarsi sempre di crederci.

CREDECI SEMPRE E NON ARRENDERSI MAI. 

A volte proprio grazie ai racconti di persone sconosciute ritroviamo piccoli frammenti della nostra vita, certo il percorso non è per tutte uguale, ma nelle storie possiamo trovare un briciolo di speranza, e a volte anche un consiglio nascosto. 
Ho letto e ho cercato su internet storia di infertilità, di donne che ricercano disperatamente la gravidanza, ho trovato conforto nelle loro parole, e allora perché non "ricambiare il favore" e parlare della mia di storia?!
Queste righe sono la risposta a tante domande fatte ad alta voce e a quelle silenziose del tipo:

"Perché non fate un figlio?!" 
"Fateli ora i figli che siete giovani"
"Invece di prendere gatti e cani,  fate i figli".

Domande che la maggior parte delle volte non vengono fatte con cattiveria, anche a me a volte è sfuggito un "State pensando di allargare la famiglia?" . Le persone che vivono al nostro fianco vogliono sapere se è tua intenzione formarti una Famiglia, o se sei così pigro che non hai voglia di fare un figlio, oppure a volte si fa pour parler!

Mai come in questo anno ho capito che si è Famiglia anche in due con 3 gatti, si è ancora più famiglia nell'affrontare gli ostacoli, nel condividere il dolore, nel tenersi per mano ad una visita, nel credere di meritarsi ancora momenti spensierati di felicità.

Queste righe sono la mia risposta a quelle domande che all'inizio non mi facevano male, poi quando ci provi e non riesci iniziano a fare male. Quindi a volte la delicatezza è fondamentale. 

Quindi Silvia...Perché non fai un figlio?

GENNAIO 2020

Dopo diversi litigi ho "convinto" tuo padre ad averti, cioè ad immaginarti. 
I litigi fatti per questo motivo non erano perché non ti voleva, i litigi esistevano perché io mi affermavo con troppa prepotenza.
Ti volevo.
Paura e istinto materno.
La paura di non riuscire ad averti, perché per quanto possiamo essere tutti ottimisti esiste questa disgraziata possibilità. Poi l'istinto materno che mi è nato subito dopo aver visto nascere e crescere i miei nipoti.
Prima i bambini non mi stavano simpatici. Troppo lagnosi e impegnativi.
Poi ho sviluppato questo amore incondizionato. Linda e Mirco mi sono stati veramente d'aiuto.
Non ci siamo messi a tavolino per averti, abbiamo iniziato con il dire "vediamo come va", come dicono tutti "ci stiamo provando, se viene viene.."
Si anche io credevo che si potesse dire così in una maniera del tutto spensierata, naturale e con una leggerezza che si avvicina al superficiale.
Ma veramente a 35 anni decidere di avere un bambino è così spensierato e naturale?
Si? Vi invidio.
Per me non è cosi. Cioè per quanto mi posso imporre di essere una persona leggera e superficiale, beh nella mia vita non ci sono mai riuscita.

Ancora non ci sei,  da quella volta che abbiamo deciso di accoglierti, sono passati ben 2 cicli.
Parliamo spesso di te, quando avremo una figlia...quando avremo un figlio… IO, NOI… ahahah speriamo di averti presto perché non vedo l'ora di conoscerti e portarti con me in giro per il mondo.
L'altro giorno io e tuo padre siamo stati per la prima volta al cinema...dopo 3 anni...
Siamo andati fino in Islanda, in Canada, in Cile e in Bolivia..ma non eravamo stati mai al cinema!
Divertente no?
Ogni volta che mi viene il ciclo… sono triste. Mi ripeto sempre, va bene..è poco che ci proviamo..basta avere pazienza, provare nei giorni giusti e cosa fondamentale: NON PENSARCI!
Si, vivere la vita con serenità e tranquillità, aspettando la sorpresa...
si va bene, questo dovrebbe essere fatto!
Invece, la verità che ho già comprato il Diario di Pancia per scrivere e appiccicare le tue foto (tuo padre ovviamente non ne sa niente! )
Guardo i nomi, immagino, sogno e fantastico...
Forse sbaglio. Ma io sono così. Un uragano di idee, progetti e sogni.
Ma non sei un progetto.
Per me sei una persona da amare, da crescere...vorrei insegnarti mille cose, fartene vedere altre mille, e vorrei vivere con tuo padre questa bella esperienza.
Vorrei vederti crescere ed avere per tutta la vita tuo padre al mio fianco.
Ridere di te, litigare per te...ahahah adesso si litiga per delle cazzate assurde….
Insomma per me saremo una famiglia fighissima!
Questo mese è passato. E adesso devo aspettare il 6 febbraio.  Ci troverai?

FEBBRAIO 2020

Avevo giurato a me stessa di non farlo, invece ho fatto il test a 3 giorni dal ciclo… OI oi Oi
Non sono riuscita nemmeno a tenermelo dentro..niente, come sospettavo NEGATIVO!
E poi lo sapevo.
32 giorni e ancora 7 euro di test buttati via, il ciclo si prende gioco di me...e io questa volta ci sono rimasta un pochino male.
Nel frattempo ho un problema in più da risolvere: l'ernia cervicale!




MARZO 2020

L'ernia cervicale si è risolta con una cura, chissà se inciderà anche questo nell'averti con noi, nel frattempo è scoppiato un bel caos.
Un virus, una pandemia mondiale, si chiama COVID 19, sai uno dei miei zii è volato in cielo prendendolo.
Non possiamo uscire di casa, non possiamo abbracciarci, non possiamo andare al lavoro, non possiamo vedere i nostri cari, i nostri amici. Siamo soli nelle nostre case...in teoria. Ma noi no.
Aspettandoti, forse illudendomi che così non ti avrei pensato o cercato, abbiamo preso due gatti, ora siamo a 3 gatti, Amelie, Iccio e Vita.
Iccio sarà il nuovo compagno di scorribande di Amelie, Vita invece sarà la nostra causa persa in partenza, un panorama clinico da mettersi le mani tra i capelli. Però meglio morire in una famiglia che da sola in un gattile. I giorni passano velocemente, e la stanza di Vita sarà la tua stanza.
Nemmeno questo mese ci hai trovato, forse ti ha dato fastidio la cura per la cervicale, o forse non te la sei sentita di venire al mondo in questo periodo burrascoso. Ti capisco.

APRILE 2020

Non ci hai trovato. E allora sono andata dalla ginecologa per assicurarmi che il mio corpo sia funzionante per accoglierti, ma tu dove sei?
La ginecologa mi ha detto che devo stare tranquilla, che è ancora presto per fare accertamenti.
La parola "presto" non è in sintonia con i miei 35 anni.
Intanto intorno a me vedo persone incinte, fotografie con pance, test positivi, e una parte di me è felice per loro, ma l'altra parte di me si chiede perché sia così facile per gli altri e per me no.
Questo mese farò 35 anni, e il mio compleanno avrei voluto passarlo con te.
Ma guardandomi intorno, posso ritenermi fortunata, e se tardi ad arrivare ci sarà sicuramente un motivo. Quindi nel frattempo mi godo la mia pigrizia, il dolce fare niente, il dormire alla notte, i progetti per le vacanze on the road, la solitudine e anche la vita da fidanzati.
Ti aspettiamo!

MAGGIO 2020

La delusione dei dolori premestruali, con il seno sensibile, le fitte alle ovaie, l'umore irrequieto di chi sa che nemmeno questa volta ci sarà qualcosa da festeggiare. 
Sono demoralizzata. 
Oggi è il 29 Aprile e anche se mancano 3 giorni al ciclo, io so che tu non ci sei.
E oggi è una di quelle giornate che vorrei essere scollegata. E' il 2 maggio e puntuale come sempre è arrivato il ciclo, sono a pezzi fisicamente per il dolore e moralmente perché anche questa volta non è andata. Il dolore è una cosa talmente intima che a volte, non viene condivisa nemmeno con i propri cari. In questo momento invece, avrei bisogno di confrontarmi, di essere confortata da qualcuno che sta passando le mie stesse paure e ansie. Perché è così difficile parlarne? 
In questo momento sono sola, e non penso ad altro. 
Le lacrime scendono, il dolore fisico si confonde con quello nel cuore. 
Era facile immaginarti, ma sembra così difficile averti.
Tuo padre dice che devo stare calma, che bisogna saper aspettare, che io voglio tutto e subito. 
Ma lui non lo sa cosa significa essere donna, non sa cosa significa rimanere deluse ogni mese con l'arrivo del ciclo.
Oggi è la festa della mamma, a volte bisogna dirlo, l'equazione donna = madre non è giusta. Ci sono donne che non possono diventarlo e altre che non vogliono diventarlo, e non c'è bisogno di alcuna scusa o giustificazione. Essere madri è un istinto.

GIUGNO 2020
 
L'attesa del ciclo è stata straziante, nessun dolore, nessun sintomo, ciclo durato 31 giorni. Quindi si, è meglio avere i dolori premestruale che illudersi ancora. Dove sei?
Ci sono ricaduta di nuovo con il manifestare momenti di sconforto in maniera esagerata..ma questa volta abbiamo deciso che è arrivato il momento di vederci chiaro. Si, sono passati pochi mesi...ma perché non fare degli esami..??
La ginecologa mi aveva detto di aspettare fino a Settembre, ma non ci importa, ci vuole determinazione. 
Le cose da fare sono lo spermiogramma per lui e per me la salpingosonografia per valutare la pervieta pelvica. Lo spermiogramma non è invasivo, mentre il mio aime dovrebbe essere doloroso, da quello che dicono le sciure dai forum. 
Abbiamo preso un appuntamento al laboratorio privato vicino al nostro paese, e i risultati sono arrivati dopo una settimana.
Il responso è stato: Asteno-Zoospermia - Iperviscosita'.
Gli spermatozoi sono bloccati, problema di viscosità. Il 19 maggio ci crolla un pezzettino di mondo addosso e se prima sembravi vicino, ora sei un miraggio!
Prendiamo appuntamento dall'andrologo, ci fermiamo a pensare spesso.
Le cose non vanno mai come speri...cerchi di dare un senso a quello che ti sta succedendo..Ma non c'è. Penso che forse non sono nata per essere madre, penso che probabilmente nella mia vita ci sarà altro ad occupare quel posto, poi penso che non sia giusto. Andrea è magico. Anche se muore dentro, ed è preoccupato, fa di tutto per rassicurarmi e confortarmi...perché poi, non so. Ma è solamente uno spermiogramma non perfetto. E magari con una terapia le sorti potrebbero cambiare...
L'andrologo dice che non è niente, solo una piccola infiammazione e che gli spermatozoi sono intrappolati come nell'olio. Non si muovono. Quindi la terapia sono integratori, sciroppo e tanto Ribes Nero. Il ribes nero dovremmo piantarlo visto che è stato fondamentale anche per la mia allergia primaverile!
Adesso proviamo così, poi a Settembre si rifaranno tutte le visite necessarie.
Io mi sono tranquillizzata, mi è arrivato anche un accenno di ciclo, e non ho dato da matto..quindi siamo a buon punto. Mi sono rilassata perché non ho più fretta...

LUGLIO 2020

Ormai sembra che ogni donna che mi stia vicino sia incinta. Incredibile. Arrivano notizie da ogni conoscente, da ogni tipo di persone...sai chi è incinta?
Si, immagino il mondo, e poi sicuramente le è capitato...Mancano 8 giorni al ciclo, e devo dire la verità, non penso che sia questo il mese giusto. La terapia non è stata completata, e poi chissà magari sono io ora che ho qualche problemino da risolvere. Sono stanca. È passato circa un anno da quando ho detto ad Andrea che desideravo diventare madre, ed ora sono qui a sperare anche questo mese.

AGOSTO 2020

Devastante quando una metà di te spera che sia il mese giusto, e quindi non vuole lasciare niente in sospeso, tipo altro test. Altro test negativo.
Ho pianto, pianto tutto il giorno. Non mi sono alzata dal letto, ancora una volta delusa.
Dopo passa, ma i giorni precedenti al ciclo c'è l'euforia del momento atteso, ovviamente poi il sogno si sgretola.
Ho espresso un desiderio nella notte di San Lorenzo, quello di incontrarti il prima possibile, quando lo vorrai, a questo punto...perché a volte non sono nemmeno sicura di essere pronta a diventare madre, o se qualcuno lassù ci vuole dire qualcosa. 
A volte mi sembra di essere una brutta persona quando penso a chi non ha dovuto mai aspettare, a chi con facilità ha realizzato questo grande sogno, a chi non ha cercato un figlio ma è capitato...
Nel frattempo tua nonna è all'ospedale.Non so ma a volte sembra tutto nero...Questo 2020 non è come me l'aspettavo...
Nel frattempo noi ti cerchiamo e ti aspettiamo...fai presto ti prego perché se no faccio impazzire tuo padre con il mio carattere isterico. 
Mancano pochi giorni al ciclo...Non ho nessuna voglia di stare un altro giorno a piangere, ma è un cosa che non riesco a controllare. Se dovesse essere la volta giusta nascerai a Maggio, uno dei mesi più belli. Ma alla fine, non siamo noi a decidere niente.

SETTEMBRE 2020
 
Sembra proprio che tutto ci remi contro, la malattia inaspettata di mia suocera, lo stress accumulato dalle mille cose da fare... E alla fine è arrivato lui, il ciclo, puntuale e perfido come sempre. Unica cosa positiva è che siamo riusciti a partire con il van, non più in Trentino ma per l'Abruzzo e il Molise, dovevamo farlo per noi stessi. Staccare da tutti questi mesi sotto tensione. Mi ha fatto bene. Apparentemente sono più tranquilla, ma non mi rassegno al fatto di trovare una soluzione. Ho chiesto alla mia ginecologa se potevo fare degli esami del sangue più approfonditi, lei mi ha consigliato l'ormone antimulleriano. Andrea la prossima settimana ripeterà l'esame. Forse ci stiamo accanendo troppo, forse invece questa è la strada per la fecondazione assistita. Il fatto di sentirci dire che siamo giovani, quindi ancora è presto per provare questa variante non mi consola..anzi..mi infastidisce. Mancano ancora 8 giorni al ciclo, il mio umore è altalenante, mi sento così sfiduciata che non me ne frega niente se e quando arriverà. 
Vorrei solo che questa attesa non rovini la mia esistenza.
Non voglio parlarne con nessuno, in questo momento farei anche meno di uscire e sentire racconti su maternità, asili e crescita.  Si, è vero, il dolore isola, forse sarebbe meglio parlarne con qualcuno, ma ancora devo capire..
Non ti chiederò niente questo mese. Se vuoi siamo qui. 

OTTOBRE 2020 

Lunedì ho fatto il test per escludere una gravidanza, solo perché venerdì abbiamo altri esami...altri esami, altre attese, altre risposte, altri soldi...E poi è arrivato il ciclo a mettere tutto al suo posto.
Alla fine l'esame di Andrea è andato bene, si è risolto con la cura e quindi non dobbiamo fare altro che aspettare. Dovrei essere felice, che sia tutto ok. Ma allora cos'è che è andato storto questo mese? Io invece ho fatto le analisi del sangue con l'ormone antimiulleriano, per capire la mia riserva ovarica, quindi la quantità di ovociti nelle mie ovaie. La quantità è inversamente proporzionale all'età della donna. Ovviamente più sei vecchia e meno ne hai a disposizione.
Lo sai, ormai non ti immagino più; forse è questo il mio sbaglio. 
Non riesco ad immaginarti perché sto mettendo in conto la possibilità di non averti con noi, siamo così focalizzati sulle cose da fare, integratori, visite, medicine, calcoli..che non riusciamo più a fantasticare. Forse abbiamo paura di rimanerci male, di illuderci, di farci aspettative...
Sta diventando troppo pesante, ho proposto ad Andrea di respirare, di rimandare a gennaio 2021, e di rilassarci due mesi. Lui mi dice, che a Natale ci regaleremo qualcosa di bello, e non parlava di un viaggio, quindi al momento NON CI ARRENDIAMO. 
La cosa strana di tutta questa situazione, è che adesso Andrea probabilmente vuole un figlio quanto me o più di me!
Anche le mie analisi sono arrivate, valore dell'ormone al di sopra della media, ma va bene, se fosse stato tanto alto poteva essere PCP, ma non è questo il caso. Al momento quello che posso fare è prendere INOVAR, un altro integratore e aspettare.
Aspetteremo, come stiamo facendo da 10 mesi a questa parte. Intanto anche la Ferragni è di nuovo incinta, haha ormai..non faccio altro che vedere donne con pancine, pancione e donne che annunciano di aspettare un bambino.
Noi intanto aspettiamo. 
3 test precoci, risultato negativo.
Trovo conforto su internet dove leggo di esperienze simile alle mie, si perché sembra un tabù parlare di problemi di infertilità. Cerco conforto sui i miei gatti che mi fanno sentire un po' mamma.
Sono riuscita a parlarne con qualche amica, e si mi sento un pochino meglio.
Anche se adesso è come se non aspettassi solo io buone notizie, ma siamo tutti in attesa di una bella notizia. Quindi sono contenta di averne parlato, ma ho paura dei comportamenti diversi e paura di deludere anche loro, come tutti del resto. 

NOVEMBRE 2020 

Ecco la seconda ondata di Coravirus, ancora rinchiusi in casa. Sicuramente il mio umore sarebbe stato migliore se solo si potesse viaggiare, partire, organizzare un viaggio. Invece anche questo blocco rende tutto così pesante, inafferrabile. 
Siamo partiti per passare una notte fuori, precisamente in una botte a Roccafluvione. 
Una cosa romantica, particolare, era quello di cui e avevamo bisogno. Stare soli. 
Intanto, un bel giorno mi alzo e dal cellulare la mia migliore amica mi dice di aspettare un bambino. Crollo. Mi sento una brutta persona, sono felice per lei..ma penso a me. La cosa più brutta è che capendo quello che sto passando si sarà sicuramente fatta dei problemi a dirmelo. Questo forse è il lato brutto di essersi aperti, perché le persone iniziano a modificare il loro comportamento per paura di ferirti. Inutile dire di no. Siamo umani, e se un' amica sta soffrendo di certo non è che hai voglia di dirlo e festeggiare. 
Ma io ho bisogno di normalità.
Sono una brutta persona perché non riesco a non nascondere un velo di amarezza, perché non togliendo il fatto di essere felice per lei, nella mia testa rimbalza solo una domanda: perché io non ci riesco? 
Intanto ho prenotato una visita ginecologica con il primario di ginecologia di jesi, vorrei avere un altro parere, e vorrei indagare su me stessa. Ho discusso con Andrea, perché do per scontato che nemmeno questa volta sia andata a buon fine, e lui mi dice che devo crederci.
La paura di illudermi, la paura di stare male per il responso negativo mi fa perdere le speranze. Questo mese ci siamo impegnati,  ho monitorato sempre la mia ovulazione, si è fatto tantissime volte, a volte anche di controvoglia. 
Non è brutto no. È diventata una missione. 
Ti giuro amore mio, che ti vorrei dire che sei il frutto dell'amore sconfinato che proviamo entrambi. Ti vorrei far vedere solo questo, il lato romantico della cosa. 
Invece sei anche il frutto di tanti tentativi andati a vuoto, sei il frutto di una frustrazione disperata, di notti insonni a cercare su internet una soluzione, sei il frutto di calcoli, di calendari, sei il frutto di stick bianchi, ma soprattutto sei frutto della speranza. Perché se ho paura di non poterti avere, la speranza quella c'è e c' è sempre stata.
E se lo vorrai io questo mese ci credo. Io questo mese ti aspetto, perché tuo padre ha detto che passeremo un bel Natale, quindi non possiamo deluderlo. 
Oggi 14 novembre è il compleanno di mia nipote, io sono fisicamente a terra. Ho un senso di nausea, spotting, mal di testa e sintomi febbrili. Sono al 6 po , l'applicazione dice che mancano 9 giorni all'inizio del ciclo. Io non ci posso credere che per me iniziano già i dolori premestruali. Ho bisogno di sapere, e poi questa perdita? Che succede?
Martedì 17, dopo questi dolori mi sono attivata ed ho chiamato una dottoressa di Ancona che fa questa salpingosonografia, che non sono i raggi ma un ecografia per vedere se le tube sono aperte. Vorrei un appuntamento, visto che il ciclo mi sta arrivando e che questo esame va fatto 12 giorni dopo l'arrivo del ciclo.
Perdite biancastre, e visto che ho due test di gravidanza "One Step" nel cassetto provo a farne uno. Niente, vedo una linea sbiadita impercettibile... Sto diventando pazza. Sto zitta e penso che è ora di andara dalla psicologa. Sono arrivata ad immaginare una linea sul test di gravidanza..assurdo.
Giovedì 19, io non voglio pensare che sono pazza, ultimo test di gravidanza, sicuramente non sarà valido perché il ciclo mi dovrebbe venire domenica 22. 
Faccio il test, chiamo Andrea, ti prego dimmi che non sono pazza.
Con la luce si intravede una linea rosa, ma non è definita, quasi nulla. Bene non sono pazza. Ghost line? Oppure siamo in due ad essere pazzi? Ordino su Amazon immediatamente un test clearblue precoce che rileva gli ormoni dentro le urine fino a 5 giorni prima del presunto ciclo.
Venerdì 20 ore 13.00 torno dal lavoro, e stamattina Amazon ci ha consegnato il test. Dovrei aspettare di fare il test con le urine del mattino, ma non ci riesco, salgo in bagno e aspetto. 
Sono incinta cazzo. 
La prima cosa che ho fatto è stato un grosso sospiro, sono scesa dalle scale ed ho abbracciato Andrea, dicendo che questa volta ce l'avevamo fatta. Oggi pesce e un bicchiere di vino.
Passata l'euforia ritorniamo alla realtà, quella fatta di paura, del chissà se è attendibile, può anche andare male...ma comunque ci siamo riusciti. E quindi sembra che per noi non sia impossibile. 
Niente euforia = scaricato tutte le applicazioni per mamme. Ahaha
Sono alla 5 settimana, il ciclo dovrebbe arrivare domenica quindi in teoria non sono in ritardo, ho dolori premestruali e non mi sono abbuffata di Nutella come quando mi stanno per venire. Domani, anzi no Domenica farò un altro test fai da te, intanto di aspettare di fare le analisi del sangue. 
Intanto oggi 20 Novembre è nato un altro nipotino, Pietro! 
Io ho ancora speranza, voglio ancora sentirmi così come oggi, un po' incinta.  



Domenica 22 ore 5.30. Amelie e Iccio come ogni mattina ci hanno svegliati, sono andata in bagno ed ho fatto il test....2-3 settimane. Allora è vero. Contatto la mia ginecologa che mi fa fare le Beta HCG su sangue. Si ci sono. Venerdì 4 dicembre prima visita, prima ecografia. 
In questi giorni di attesa, di paura, di ansia, e di storie fantastiche sul futuro..mi sento rinata. 
Tu ci sei, il cuoricino che abbiamo visto batte fortissimo. Ci hai finalmente trovato.
Mi sento di dover chiudere qui questa parte di diario, perché da oggi inizierà una nuova pagina di vita. Ma io questo anno di attesa e di sofferenza non posso scordarmelo, e penso che alla fine nel mio apparentemente breve percorso sono stata fortunata, ed è per questo che ho una paura matta che questo sogni si spezzi da un momento all'altro..
Ma dobbiamo pensare positivo e avere fiducia, ancora ...ancora e ancora. 








1 commento:

Flavio ha detto...

Oggi in pochi conoscono la Clinica d'eccellenza di maternità Feskov Human Reproduction Group. Questa clinica di maternità, donazione e FIVET svolge l'attività nel ambito dal 1995. Medici altamente qualificati, enorme banca dati di madri e donatrici, pacchetti di trattamenti unici con garanzia al 100% di risultati, prezzi fissi senza costi aggiuntivi.