Un tour tra le bellezze dell'appenino tosco-emiliano: da BOLOGNA a CASTIGLIONE DEI PEPOLI !


Un tour a pochi chilometri dalla cosmopolita Bologna per trascorrere qualche giorno lontano dalla città all'insegna del 'turismo slow' e alla ricerca di luoghi insoliti nell'Appennino tosco-emiliano.
Partiremo da Bologna e percorrendo l'autostrada in direzione Sasso Marconi ci addentreremo nel cuore dell'Emilia Romagna.

Un itinerario attraverso il bello, tra natura e storia, tra cultura e gastronomia, dove il tempo è sempre tiranno ma il cuor non trova inganno. 

La prima tappa è il paese di Grizzana Morandi. Per questioni di orario, e non di certo per comodità, abbiamo dato la precedenza alla visita alla casa di Cesare Mattei, ROCCHETTA MATTEI (A).

Tra cunicoli e stanze irregolari, in un tripudio di stili  che si intersecano e che vanno dallo stile medioevale al gotico, dal moresco al liberty, andiamo alla scoperta di questo posto incantato, dove ogni "rappresentazione" è per noi da interpretare e dove non tutto è come sembra!
Entusiasti da questa visita e affascinati dalla vita di Cesare Mattei, è la volta di andare in mezzo alla natura, ripercorriamo la strada a ritroso e andiamo a scoprire LE GROTTE DI LABANTE (B) nel comune di Castel d'Aiano. 
La grotte di Labante sono cavità naturali molte rare da trovare, è definita la più grande grotta primaria nei travertini d'Italia e forse una delle più grandi del mondo.



Un angolo di natura incantata.
Da questo contesto nasce una cascata che sembra essere una bocca gigante di un dinosauro.
Posto ideale dove poter rilassarsi al fresco, fare pic-nic e scoprire piccole grotte nascoste con stalattiti e stalagmiti. 

A breve distanza dalle grotte, effettuiamo un tuffo indietro nel tempo e andiamo a conoscere da vicino il CASTELLO MANSERVISI (C).



Si dice che il Castello di Manservisi sia una villa classica che indossa un abito neo-medievale; il più spettacolare abbigliamento che Alessandro Manservisi abbia mai confezionato.
Se il Castello è così bello è grazie alla ristrutturazione di fine '800 ad opera e gusto di Alessandro Manservisi, proprietario di una delle più importanti sartorie di Bologna.

Acquistò nel 1886  questa antica casa dei conti Nanni Levera e dopo la ristrutturazione la destinò a sede della colonia scolastica che da lui ebbe vita e nome.

Alcuni attimi di tranquillità passeggiando per i giardini curati del Castello per poi risalire in auto e partire alla volta di una città famosa da sempre per le sue acque termali.
E' il momento giusto per passeggiare tra i vicoli di PORRETTA TERME (D) lungo il Rio Maggiore, oltrepassando i ponti fioriti e apprezzando le ricche testimonianze artistiche e storiche di questo paese.


Per vedere Porretta da un'altra prospettiva, siamo saliti fino alla Chiesa seicentesca di S.Maria Maddalena, per entrare e ammirare le numerose opere d'arte. 
Non facciamo in tempo ad abituarci alla vita di paese che ripartiamo per un altro angolo di natura nascosta.
Il LAGO DI SUVIANA (E) è un lago artificiale formatosi a seguito della costruzione di una diga alta 91,5 metri, costruita a scopo di alimentare con le acque una centrale idroelettrica.
Il lago di Suviana oggi è veramente una località ben attrezzata per campeggiare, praticare sport acquatici, una vera piccola località di villeggiatura per la stagione estiva.



Non si può lasciare l'appennino tosco-emiliano senza prima aver assaggiato la cucina tipica del posto, allora ce ne siamo andati nel paesino grazioso di CASTIGLIONE DEI PEPOLI (F) per assaggiare i tortellini più buoni di tutta la regione.
La Taverna del Cacciatore, ci ha proposto un piatto semplice ma dal cuore croccante, il Piatto del Buon Ricordo è Tortellini con olio EVO toscano in cialda di Parmigiano (oltre ad un fantastico piatto di ceramica da collezione).




E ora?

Noi da qui non ce ne vogliamo andare! Vist l'amore per le montagne, ci dirigiamo al Parco Corno alle Scale, per immergerci dentro il bosco e vedere la neve. 




Nessun commento: