IL BORGO DEI POETI : SMERILLO



Siamo sempre alla ricerca di angoli sperduti, di pezzetti di terra neutri dove poter sentire solo la voce del vento e l'eco del nostro respiro. 
Un posto lontano dalla frenetica città e dalle opprimenti mura dei palazzi in centro, un posto dove sentirsi solo e riappacificarsi con la natura. 

Quel sabato, ero alla ricerca di questo. 

Ero alla ricerca di un borgo da dove vedere la neve nei Monti Sibillini, si perchè la neve con il sole rende il paesaggio più brioso, cercavo un piccolo paese che fungesse da belvedere, un tetto da dove poter ammirare tutte le montagne marchigiane.

E' proprio da questa ricerca che ho scoperto Smerillo.

Smerillo era il borgo solitario che aspettava me.


Siamo in provincia di Fermo ad 800 metri d'altezza, arroccato su di una roccia, spunta questo piccolo borgo di appena 366 anime, da qui il panorama è ideale per vedere tutte le vette innevate.

Un borgo dal cuore romantico, rifugio per artisti e fonte di ispirazione per i poeti, infatti viene chiamata la "Cittadella della Poesia".

Camminando si possono trovare delle targhe con incise dei versi di alcune poesie di celebri poeti come il marchigiano Giacomo Leopardi e il grande Dante Alighieri.



Che tranquillità camminare tra questi piccoli vicoli di Smerillo, sembra che il tempo si sia fermato, si respira un'aria vissuta, ed è bello lasciarsi sedurre dai versi di vecchie poesie.








 Davanti a questo panorama ci sentiamo un po' tutti dei poeti...

 

Gli affreschi nella Chiesa romanica di S. Caterina, i resti delle mura e della Rocca Medievale dell’antico borgo, la Chiesa Parrocchiale dei SS. Pietro e Paolo, sono alcuni dei beni culturali da visitare a Smerillo.

Vi consiglio di passare più tempo possibile quassù, l'aria di pace che si respira  rigenera la mente e la natura che ci appare di fronte rende bene il concetto di infinito.



Non perdetevi in estate l'appuntamento con il Festival "Le parole della montagna", dedicato alla scoperta dell'incanto della montagna tra pensiero, arte, letteratura, musica e spiritualità.

Nessun commento: